La domenica mattina.

La domenica mattina, non è un giorno come un altro, no. Non a casa mia.

Che io ricordi, non è mai stata una giornata spensierata, di dolce dormire e di noia perire. No.

La mattina, in particolare, non ricordo di aver mai dormito beatamente senza essere disturbata da qualche esemplare di vicino brutus, o familiare brutus, che ci sei anche imparentata, il che, rende la cosa ben peggiore.

Crescendo è aumentata l’insoddisfazione, perché nonostante fossi sveglia all’alba, non riuscivo ad adempiere ai miei doveri scolastici, causa parentume che non aveva niente di meglio da fare che chiamare, appunto, di domenica mattina. O addirittura, citofonare, di domenica mattina. E parlare, blaterare, ridere (ma che te ridi?), bere il caffè a casa mia (ma perché da te che problema c’hai, famme capì?)

Quando ho preso la patente, le cose sono cambiate. Evvai. Da quel momento, è iniziata una tradizione di famiglia.

Visto che tanto, volente o nolente, mi sveglio relativamente presto, prelevo la mater famila e ci rintaniamo in caffetteria a fare colazione. Ed ecco che una giornata insignificante, inizia col giusto sprint : cappuccino & cornetto. Con la mater che parla parla parla e blatera blatera blatera, ma resta comunque un bel momento, un momento dolce.

Aò, almeno la colazione mi soddisfa!

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...