Di menzogne e amicizia

Eravamo amiche. Sì, d’impulso scrivo che lo eravamo. Quale amicizia si basa sulla menzogna? In quale amicizia non si è felici per le piccole cose che l’altro/a raggiunge a gran fatica? In quale amicizia ci si pone un gradino sopra l’altro? In quale amicizia si mente senza motivo?

Pensavo che in amicizia fossimo tutti uguali, che le discussioni fossero rafforzative di un rapporto ormai consolidato e non distruttive. Pensavo che le mancanze dell’uno fossero colmate dall’altro in modo naturale e non pesate. Pensavo che non esistesse la possibilità  di rinfacciare all’altro  l’aiuto offerto in un momento di forte necessità.

E quindi quell’amicizia era una menzogna? Forse no. O almeno, non da sempre.

Forse il tempo ci cambia, non sempre in meglio. Forse è colpa mia.

Continuare a sperare che una persona possa rispecchiare i nostri desideri, è sbagliato. Talvolta bisogna prendere delle decisioni e riflettere su quanto siamo disposti a sopportare le menzogne. E penso di essere arrivata ad un limite.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...